Il Primitivo di Manduria, fra TRADIZIONE e INNOVAZIONE

Da secoli i Marchesi Cantore di Castelforte dedicano le proprie energie al miglioramento delle estese proprietà agricole della famiglia che, da Napoli, si è ormai stabilmente trasferita in Puglia. Terra vocata alla produzione di eccellenti vini rossi e di olio extravergine di oliva, ecco che nel Salento queste caratteristiche sono ancora più spiccate. Ed è proprio qui che c’è il cuore delle Aziende Agricole Cantore di Castelforte che superano i 600 ettari di superficie coltivati per lo più con vigneti di Primitivo di Manduria Doc e piante di olivo. Fra tradizione ed innovazione, generazione dopo generazione, Cantore di Castelforte ha registrato il più significativo cambio di direzione della sua storia con l’avvento del nuovo millennio. L’obiettivo, ambizioso e non facile, trasformare un modo di produrre ed una mentalità secolare: smettere di produrre in quantità per vendere all’ingrosso. Alla base, insomma, un cambio di mentalità che punta tutto sulla qualità ed è protesa in maniera decisa verso un approccio diretto sul mercato. Stop all’anonimato, dunque, e spazio alla creazione di una propria linea di prodotti imbottigliati e con un marchio da rendere ben riconoscibile. Fatica e denaro, viaggi e ricerche hanno già dato i primi frutti significativi soprattutto per il vino: Vinitaly 2002 ha premiato il Primitivo del Salento Donna Maria, Vinitaly 2003 e The International Wine & Spirit Competition di Londra 2003 hanno premiato il Primitivo di Manduria DOC. La filiera all’interno dell’azienda è totale, dalla barbatella alla bottiglia. La stesso discorso vale per il frantoio oleario, che già produce un eccezionale extravergine dai propri uliveti  e che viene imbottigliato anch’esso all’interno dell’azienda.

Le Aziende Agricole Cantore di Castelforte in Puglia

Gli oltre 600 ettari di Cantore di Castelforte in Puglia, fra le province di Taranto e Lecce, producono una media annua di 25.000 quintali di vino pari ad una potenzialità di 3.000.000 di bottiglie. con l’obiettivo aziendale  di proporre al mercato il 100% del prodotto imbottigliato. A ciò si affiancano 1.500 quintali di olio di oliva  extravergine.

  • Azienda Centonze
  • Azienda Tre Torri
  • Azienda Mazzetta
  • Azienda Cicimaia
  • Cantina vinicola a Manduria (Taranto)

Attorno alla masseria Centonze di inizio ‘900 , simbolo del gruppo Cantore di Castelforte, ruota l’attività più significativa. L’estensione è imponente: 250 ettari di cui 50 coltivati a oliveto, 40 a seminativo ed il resto a vigneto (in prevalenza primitivo di Manduria Doc). L’azienda include il frantoio oleario realizzato nel 2000 che lavora unicamente le olive aziendali ed imbottiglia il prodotto finito. Tutti vigneti per l’azienda agricola Tre Torri. Il 70% è Primitivo ed il resto con altre varietà internazionali. Con l’azienda Mazzetta ci spostiamo poco distante ma passiamo dalla provincia di Taranto a quella di Lecce, che fino ad 80 anni fa erano unite in un’unica provincia di Terra d’Otranto. Qui si produce in prevalenza il Salice Salentino Doc..  Una buona parte produce grano. Con l’azienda agricola Cicimaia restiamo a Salice Salentino. Della  superficie totale gran parte è dedicata a pregiati vigneti di Salice Salentino Doc ed il resto è dedicato alla coltivazione di grano. La Cantina Vinicola di Manduria, fondata 50 anni fa, è quella che sta subendo le maggiori trasformazioni. Accanto ai 40.000 quintali di capienza su di una superficie di 7.000 mq si sono aggiunti altri  3.000 mq acquistati di recente. Una superficie di 1.000 mq ospiterà la nuova ala per la linea di imbottigliamento con una capacità di 3.000 bottiglie l’ora e dedicata, così come già avviene per l’olio extravergine di oliva, solo alle uve  delle Aziende Agricole Cantore di Castelforte.